Processionaria

Thaumetopoea (=Traumatocampa) pityocampa nome volgare Processionaria del pino, della quercia (Rovere, Roverella, Farnia).

Morfologia della processionaria PDFProcessionaria info PDF

Processionaria del pino e quercia   processionaria adulta

Le larve di processionaria, di terza età, sono ricoperte di peli urticanti. Il contatto tra i peli (e anche tra i nidi, abbandonati e non) e la pelle o le mucose di uomini e animali, provoca infiammazioni e reazioni allergiche che possono avere esiti anche gravi.
Il periodo più pericoloso per il manifestarsi di allergie si colloca indicativamente tra la fine del mese Febbraio e la fine del mese di Aprile (in annate particolarmente calde e precoci anche a Gennaio), quando le larve, lasciati i loro nidi, scendono a terra.

eczema da processionaria

Il rischio per la salute umana e animale è invece insignificante a partire da Maggio fino a fine Luglio, quando l’insetto si trova nella forma innocua di crisalide o farfalla e ad agosto, quando le larve non hanno ancora raggiunto lo stadio di terza età e quindi i loro peli non sono ancora urticanti.

larva di processionaria   pupa di processionaria
Da Maggio fino a fine Luglio, le reazioni allergiche si manifestano solo smuovendo aghi o altro materiale depositato al suolo (ad esempio col rastrello) in ambienti precedentemente infestati, quindi ricchi di residui di peli urticanti o in caso di contatto con nidi abbandonati.

Il pericolo è rappresentato dai peli urticanti che ricoprono il corpo della processionaria, questi peli vengono rilasciati nell’aria quando il bruco è in pericolo  (evitare quindi di schiacciarlo a distanza ravvicinata) e la loro forma uncinata gli permette di agganciarsi alla vittima o ai suoi indumenti.

congiuntivite da processionaria

In caso di dermatite
Lavare ogni vestito, maneggiandolo con i guanti, e scegliere la temperatura più alta possibile per il lavaggio. Lavare la pelle abbondantemente con acqua e sapone.
In caso di contatto con gli occhi
Rapido sviluppo di congiuntivite (con rossore e dolore agli occhi). Se un pelo urticante arriva in profondità del tessuto oculare, si verificano gravi reazioni infiammatorie e, in rari casi, la progressione a cecità.

il ciclo della processionaria

La distruzione meccanica dei nidi di processionaria è bene sia fatta solo durante il periodo invernale e solo se la temperatura rimarrà ben al di sotto dello zero per parecchi giorni (fuori dal nido la processionaria infatti resiste anche a temperature sottozero per qualche giorno) in maniera tale che, le larve disperse dal nido distrutto, vengano uccise dal gelo intenso e prolungato.

Fonte:

http://processionaria.it/salute/   http://processionaria.it/approfondimenti /

http://www.ersa.fvg.it/istituzionale/servizio-fitosanitario-regionale/organismi/processionaria-del-pino

http://www.agraria.org/entomologia-agraria/processionaria-del-pino.htm

http://www.agraria.org/entomologia-agraria/processionaria-della-quercia.htm